Q U I N T O S U B I T O

Startup Innovativa Fintech

Chi dà i soldi nella cessione del quinto

Tutto ciò che devi sapere su chi dà i soldi , come funziona e quali sono le differenze tra i diversi tipi di richiedenti.

Hai bisogno di un prestito ma non vuoi chiedere soldi ai tuoi familiari o amici? La cessione del quinto potrebbe essere la soluzione che fa per te.

Ma chi dà i soldi per questo tipo di prestito e come funziona esattamente?

In questo articolo, ti spieghiamo tutto ciò che devi sapere per capire come funziona la cessione del quinto e quali sono le differenze tra i diversi tipi di richiedenti.

Come funziona la cessione del quinto

La cessione del quinto è un tipo di prestito personale che ti permette di ottenere soldi senza dover fornire garanzie o garanti. Il meccanismo è semplice: l’istituto di credito che ti eroga il prestito si prende in carico il rimborso delle rate, trattenendo direttamente un quinto della tua busta paga o pensione. In questo modo, non devi preoccuparti di dover trovare un garante o di dover fornire garanzie.

Differenze tra dipendente pubblico, ministeriale e privato

La cessione del quinto è disponibile per tutti, ma ci sono alcune differenze tra i diversi tipi di richiedenti.

Dipendenti pubblici e ministeriali: per questi lavoratori, c’è la possibilità di richiedere il doppio quinto o la delega. Questo significa che, invece di trattenere un quinto della tua busta paga o pensione, l’istituto di credito ne trattiene fino al 40%. Inoltre, per i dipendenti pubblici e ministeriali, ci sono tassi di interesse più bassi rispetto ai dipendenti privati.

Dipendenti privati e pensionati: per questi richiedenti, non è possibile richiedere il doppio quinto o la delega. Tuttavia, anche per loro ci sono tassi di interesse più bassi rispetto ai dipendenti privati.

Casi pratici

Per farti capire meglio come funziona la cessione del quinto, ecco alcuni esempi pratici:

  • Se sei un dipendente pubblico o ministeriale con una busta paga di 1.500 euro, potresti richiedere un prestito con una rata fino a 600 euro (il doppio del tuo quinto).
  • Se sei un dipendente privato (spa, srl) con una busta paga di 1.500 euro, potresti richiedere un prestito con una rata fino a 300 euro (il tuo quinto)
  • Se sei un pensionato con una pensione di 1.000 euro, potresti richiedere un prestito con una rata fino a 200 euro (il tuo quinto).

In tutti i casi, l’istituto di credito tratterrà direttamente un quinto della tua busta paga o pensione per rimborsare il prestito, e potrai scegliere la durata del rimborso che va da un minimo di 24 mesi a un massimo di 120 mesi.

Conclusione

In conclusione, la cessione del quinto è un’opzione di prestito ideale per chi ha bisogno di soldi ma non vuole chiedere aiuto a familiari o amici o non ha garanzie da offrire. Dipendenti pubblici e ministeriali possono beneficiare di tassi di interesse più bassi e la possibilità di richiedere il doppio quinto o la delega, mentre dipendenti privati hanno tassi di interesse più alti.

Prima di richiedere una cessione del quinto, assicurati di valutare attentamente la tua situazione finanziaria e di scegliere un’istituto di credito affidabile e con tassi di interesse competitivi.


Leave a Comment